WINELOVELY
Difesa enoproduzioni : nasce il Comitato di Difesa delle Produzioni Nazionali .
Luigi Veronelli
Ulisse
Gusmano
Romano
Lorenzo
Ricette
---
Romano
 
RISTORANTE “ROMANO”
Via Mazzini 120 - Viareggio (Lu)
Tel. 0584 31382

Intervista da Romano Il nostro viaggio nella ristorazione italiana di qualità prosegue con un altro locale posto ai massimi livelli della cucina nazionale. Stiamo parlando di Romano Franceschini, patron dell’omonimo ristorante posto sulla centralissima Via Mazzini, la strada che collega lo splendido lungomare alla stazione ferroviaria della città. La nostra visita inizia all’ora dell’aperitivo serale; appena entrati nel locale troviamo proprio Romano che ci fa accomodare nell’apposita saletta adiacente alla sala vera e propria. Quest’anno, lo ricordiamo, ricorrono i trent’anni dei attività della FISAR (1972-2002) e Romano, essendo stato proprio fra i soci fondatori, ci spiega subito come e perchè nacque l’idea: “ Lo scopo era quello di divulgare la cultura del vino, in primis fra gli operatori del settore (albergatori e ristoratori, appunto), grazie anche all’organizzazione di corsi per sommeliers ”. Subito incuriositi gli chiediamo, a questo punto, anche qualche notizia “storica” sul suo locale: “ Il ristorante venne aperto nel 1966 e, data anche la nostra giovane età di allora, io avevo 22 anni mentre mia moglie Franca ne aveva appena 16, siamo partiti proponendo i piatti di base più semplici della cucina viareggina. Molto importante per noi, però, fu partecipare sia ai corsi per sommeliers che ai concorsi di cucina che si tenevano all’epoca (siamo agli inizi degli anni ‘70); ricordo -L’Oscar della Cucina Italiana- e -Pisa Gastronomia- . Grazie a questi ultimi, infatti, ci si confrontava con le altre scuole di ristorazione per mettersi a confronto e migliorarsi sempre di più”. Mentre proseguiamo la nostra conversazione, cominciano ad arrivare i primi clienti per la cena così come il telefono comincia a squillare per le prenotazioni; è il segnale che si sta entrando nel vivo della serata! Questo ci dà lo spunto per chiedere a Romano qual è il tipo di clientela che frequenta il suo locale: “ La nostra clientela, composta prevalentamente da una base locale che permane tuttora, si è progressivamente ampliata da coloro che recano qui in Versilia per turismo o per lavoro a coloro che giungono qui da noi allungando il loro percorso nel visitare le città d’arte toscane, mentre la nostra clientela straniera è formata prevalentamente da svizzeri, tedeschi, statunitensi e giapponesi. E’ curioso notare come questi ultimi, non appena nel loro paese viene pubblicata una recensione del nostro locale su qualche rivista o guida specializzata, una volta giunti qui in Toscana, vengono subito a trovarmi con l’articolo sottobraccio!”.Intervista da Romano Questa curiosità ci conferma ancora una volta il ruolo delle riviste e delle guide specializzate nel diffondere e nell’accrescere la cultura del buon vino e del buon cibo e di questo anche Romano ne è consapevole: “ La clientela di oggi è molto più esigente e informata rispetto a quella di quando iniziai l’attività, anche per questo oggi è ancora più difficile fare e rimanere ristoratore di qualità. Per il pesce, per esempio, io mi rivolgo due volte al giorno presso le due pescherie e le tre barche di riferimento che mi garantiscono la scelta, la freschezza e la qualità che io pretendo per i miei ospiti “. Nell’ascoltare con interesse le parole di Romano, osserviamo nei dettagli l’ambiente che ci circonda. Le pareti chiare, i vetri molati e i quadri ricchi di colori pastello rendono l’atmosfera accogliente, luminosa e vivace. La nostra attenzione si sofferma su due fra le targhe presenti nel locale. Il ristorante, infatti, fa parte dei circuiti de “Le Soste” e dell’ “Unione dei ristoranti del buon ricordo”, entrambi associazioni di ristoratori dove in quest’ultimo, al cliente che ordina il piatto tipico del locale (la minestra di farro con verdure e pesce, nel caso di Romano) gli viene consegnato proprio un piatto come ricordo del piatto del locale. A Romano, quindi, chiediamo come si è giunti all’attuale ambientazione: “ Il ristorante prevede la saletta d’accoglienza all’ingresso, la sala vera e propria da circa 50 coperti, la cucina e i vari servizi. L’ambiente è paragonabile a quello di una casa, sia per accogliere al meglio la clientela che per poter dialogare con gli ospiti in maniera informale e amichevole ”. Nel frattempo ci raggiunge il figlio Roberto, sommelier e responsabile della cantina posta proprio a fianco del locale: “ La nostra cantina è climatizzata alle varie temperature di servizio per cui tutti i nostri vini presenti nella carta, cioè circa 1.000 etichette diverse escludendo le annate, sono pronti per essere serviti in sala “. Mentre Roberto continua a illustrare la cantina noi, scorrendo la carta dei vini, immaginiamo di effettuare un viaggio partendo dalle nostre zone vinicole limitrofe (Montecarlo Doc di Lucca e Candia Doc di Massa, per esempio) per giungere fino ai più lontani vini sudamericani e australiani passando attraverso le migliori selezioni di supertuscans e di bordeaux. Scopriamo poi, a proposito di zone vinicole, che Romano è proprietario anche di una tenuta di un ettaro a Montecarlo (Lu) che produce ogni anno circa 6.000 bottiglie di Montecarlo bianco Doc, mentre, continua sempre Romano, in futuro grazie all’impianto di 1.000 nuove viti, si avrà anche una piccola produzione di merlot. Il locale, lo ricordiamo, è gestito dalla famiglia Franceschini al completo; Romano e il figlio Roberto si occupano della sala, mentre la moglie, signora Franca, e la figlia Cristina si occupano della cucina; tutto questo con l’ausilio di sei collaboratori tra addetti alla sala e alla cucina. A questo punto, la nostra chiacchierata volge al termine e Romano nel congedarsi, ci regale una delle ricette della sua cucina: Maltagliati alla viareggina con gallinella e frutti di mare e che noi volentieri pubblichiamo per tutti gli amici di winelovely. Infine, ricordiamo che il locale è chiuso per turno il lunedì e per ferie durante il mese di gennaio e che la prenotazione oltre che consigliabile è gradita.
Buon appetito!

 

Nelle foto:
- uno dei quadri presenti all’interno del locale;
- da sx verso dx: i sommeliers Fisar e di winelovely Tullio Scavone e Piero Lapiana, il patron Romano Franceschini e il sommelier Fisar e webmaster di winelovely Marco Mancini.
 

Stampa
Cerca
Tutte le parole
Basta una parola
3286 Iscritti
Registra la tua e-mail
Reg Canc


Utenti Collegati 132

Google
Tutto il materiale (grafica, immagini e testo) presente in questo sito è di proprietà dell'autore stesso.
E' vietata la riproduzione, anche parziale, senza il consenso scritto dell'autore che pretenderà,
comunque, l'indicazione scritta dell'url di questo sito.
Ai sensi della Legge n. 62 del 7-3-2001
questo sito non è un -prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare-,
essendo gli aggiornamenti effettuati senza scadenze predeterminate
e consistenti soltanto in migliorie rispetto a quanto già pubblicato,
senza rinnovare completamente i contenuti precedenti.
Tutti i dati pubblicati in questo sito, sono stati trattati secondo il D. Lgs. n. 196 del 2003 in materia di "privacy".

autore ValoriImmobiliari srl - Via Marco Polo 1 - 55049 Viareggio (LU)


F.I.S.A.R. DELEGAZIONE AUTONOMA VERSILIA
Via Pisanica 136 (c/o Wine-Bar "L'Apogeo")
Tel. 0584/793394 - 55045 PIETRASANTA (LU)
C. F. e P. IVA: 02145060469